guida in carrozzina

Una delle sfide più interessanti, riguardo la disabilità, è legata alla guida delle autovetture. Esistono, in commercio, diverse tipologie di vetture che consentono alle persone disabili di guidare più o meno autonomamente, ma che dire delle persone costrette in carrozzina? 

La prima cosa da fare è rendere l’accesso alla vettura direttamente con la carrozzina e consentire, poi, alla persona disabile di rimanere lì seduta per tutta la durata del viaggio, mettendosi cioè alla guida del veicolo direttamente in carrozzina. 

Il grande traguardo della guida in carrozzina per i disabili

Lo scopo di questi meccanismi è consentire alle persone in carrozzina di potersi mettere alla guida autonomamente, senza dover necessariamente chiedere aiuto a qualcuno. Per questa ragione, le operazioni di trasferimento devono essere tutte automatizzate e rese, per il guidatore, il più semplici e autonome possibile. Qui si pone la prima questione: le dimensioni dell’autovettura che ospiterà il guidatore in carrozzina. È ovvio che deve essere fornita alla persona disabile una vettura che sia in grado di accogliere anche la sua sedia a rotelle e che lo faccia anche senza troppe difficoltà.  

Guida in carrozzina: cosa dice la normativa a riguardo?

La normativa vigente non pone particolari problemi alle autovetture che consentono la guida in carrozzina. Esistono, poi, alcune norme relative all’utilizzo di pedane e agganci della seduta, ma niente di specifico e riferito unicamente alla guida in carrozzina. Essendo in possesso di patente speciale, inoltre, non è necessario dichiarare che si intenderà guidare direttamente in carrozzella. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *