Detrazioni fiscali per autovetture per disabili

Poter guidare un’autovettura è un diritto, per tutti, anche per chi è affetto da disabilità. Per questa ragione, in Italia è possibile acquistare una vettura modificata per disabili o apportare modifiche alla propria autovettura usufruendo di agevolazioni e detrazioni discali. 

In breve, le detrazioni per la modifica o acquisto di auto per disabili sono le seguenti: 

  • Detrazione Irpef del 19% sull’acquisto; 
  • Iva al 4% sull’acquisto; 
  • Esenzione del bollo auto; 
  • Esenzione dell’imposta sul passaggio di proprietà. 

Detrazioni auto per disabili: chi ha diritto alle agevolazioni?

È possibile ottenere agevolazioni e detrazioni se non vedenti o non udenti, se affetti da handicap psichico riscontrabile con certificato rilasciato dall’Asl, se si hanno limitate capacità di deambulazione o in ogni caso ridotte capacità motorie. 

Allo stesso tempo è importante sottolineare che le detrazioni e agevolazioni sono valide solo nel caso in cui è facilmente dimostrabile che l’autovettura è utilizzata quasi esclusivamente dalla persona disabile (o se ospita quotidianamente disabili al suo interno). 

Agevolazioni e detrazioni anche per i familiari dei disabili

Sia le agevolazioni che le detrazioni fiscali possono essere applicate anche ai familiari con disabili a carico. Si definisce disabile fiscalmente a carico se ha un reddito inferiore ai  2.840,51 euro annui. Se il disabile è un figlio del richiedente, il limite sale a 4000 euro annui se inferiore di 24 anni. Sono esentati dal reddito, ovviamente, le pensioni sociali e d’accompagnamento e le eventuali indennità. 

Se si dovesse superare il limite consentito dalla legge, le agevolazioni spetteranno solamente al disabile: in quel caso, il familiare potrà intestare le documentazioni e la vettura al disabile stesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *