spondine imbarco passeggeri

Una delle difficoltà che una persona affetta da disabilità incontra è certamente quella dell’ingresso e seduta in un’autovettura, sia esso un trasporto pubblico o privato.

A questo scopo nascono supporti e dispositivi come le spondine per l’imbarco dei passeggeri in auto, per rendere più semplice l’accesso in autovettura, che in questo può avvenire anche in totale autonomia.

Sì, perché una delle priorità dei disabili è certamente quella di pesare il meno possibile sugli altri e di continuare a svolgere la propria vita – e le azioni quotidiane che ne conseguono – in totale autonomia.

Le spondine per imbarco di passeggeri in autovetture sono semplici da usare e da installare: si tratta di ripiani installabili sul lato del guidatore o del passeggero, regolabili alla misura che si desidera e ripiegabili verso l’interno dopo l’utilizzo. Il disabile si siede sul ripiano, regolato all’altezza desiderata, poi livella il ripiano all’altezza del sedile, quindi trascina il suo peso dal ripiano al sedile stesso. Successivamente, ripiega il ripiano verso l’interno e chiude l’autovettura.

Le spondine per imbarco di passeggeri sono molto comode perché creano un piano tra il sedile e lo sportello, solitamente separati da uno spazio libero (che può essere scomodo, invece, per le persone affette da disabilità). In questo modo, il disabile può accedere all’interno dell’abitacolo con molta più facilità e rapidità di movimento, senza dover necessariamente chiedere – laddove possibile – aiuto a terzi.

È molto importante restituire a un disabile la propria libertà, autonomia, indipendenza: grazie a questi supporti, infatti, la loro vita è certamente più semplice e un viaggio in auto diventa anche più piacevole.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *